Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Il Partito della Nazione Occitana favorevole alla costruzione del bacino artificiale di Sivens

All'inizio del progetto(la commissione d'inchiesta data dal 2012), alcuni abitanti sulle rive del futuro lago artificiale crearono una associazione. La loro vigilanza, indispensabile in democrazia, permise d'imporre ai progettisti il rispetto della legislazione in vigore per questo genere di costruzioni. Ma ben presto gli Occitani del luogo furono messi da parte da un gruppo di ecologisti “di professione”, giunti da tutta la Francia. Questi iniziarono a occupare il sito. Nello stesso tempo bloccarono le vie di accesso. Di fronte a questi metodi autoritari e pericolosi per la convivenza civile, gli abitanti della zona furono costretti a richiedere la protezione delle forze dell'ordine. Alcuni, nonostante fossero direttamente coinvolti dalla costruzione della diga, scoraggiati smisero di militare contro la costruzione della diga.
Le modalità d'azione dei nuovi venuti (tra cui dei marginali che vanno di occupazione in occupazione) furono violente fin dal loro arrivo. Alcuni residenti furono vittime di violenze verbali. Sarebbe troppo lungo fare l'elenco dei danni causati dagli occupanti del Testet: auto imbrattate di vernice, parabrezza frantumati, vetrine sfondate a Gaillac, ecc...
Un comportamento irresponsabile che ha stupito tutti. Un modo di agire respinto dagli ecologisti locali più ragionevoli. Gli occupanti furono respinti dalla grande maggioranza degli abitanti del dipartimento. A tal punto che il 4 ottobre 2014 una manifestazione di protesta contro la diga di Sivens non riunì che 400 persone.
Pochissimi furono gli abitanti del paese che vi parteciparono. La ricerca permanente della provocazione e dello scontro con le forze dell'ordine rischiò di finire in tragedia Cosa che purtroppo è poi davvero accaduta.
Dall'inizio del progetto, il comitato albigese del Partito della Nazione Occitana (P.N.O.) si dichiarò favorevole. Noi accogliamo con favore ogni sviluppo adeguato del territorio. Per noi si tratta di una questione di progresso e di sviluppo economico. In assenza di difficoltà tecniche, la costruzione della diga di Sivens deve essere completata. Le condizioni geologiche e ecologiche permettono, dopo qualche miglioramento già realizzato, la costruzione della diga: non ci sono più argomenti seri contro il completamento del progetto. I lavori devono continuare secondo il calendario precedentemente stabilito.
Tuttavia, il P.N.O. Formula delle riserve concernente il piano di finanziamento della costruzione e del funzionamento dell'opera. Secondo la regola che vuole che chi paga debba essere l'utilizzatore, il comitato chiede che la maggior parte dell'investimento e la totalità delle spese di funzionamento dell'opera siano prese in carico dagli organismi professionali che andranno a beneficiare della struttura. Le modalità di finanziamento del progetto dovranno essere rettificate. Modifiche e aggiustamenti sono ancora e sempre possibili.

 

costruzione del bacino artificiale di Sivens

costruzione del bacino artificiale di Sivens

Tag(s) : #IT